Il Programma Elettorale del PDL

68605c8c2b63cfeef8aad5fb5fae2e78.jpgPROGRAMMA ELETTORALE PER CONVERSANO E TRIGGIANELLO DEL CANIDATO SINDACO LOVASCIO

UNA CITTÀ LIBERA CHE GUARDA AVANTI CON FIDUCIA

Un’amministrazione che possa ben governare nell’esclusivo interesse di tutti i cittadini. Per uno sviluppo socio-economico fondato sulla vocazione propria del territorio (agricoltura e turismo) e sulla promozione di iniziative correnti con le profonde radici laiche e cattoliche della città.

Una città è tanto un agglomerato urbano quanto una rete di relazioni sociali: l’una e l’altra cosa consentono ai bambini, ai giovani, agli anziani, a uomini e donne, di crescere, giocare, divertirsi, andare a scuola, lavorare, muoversi, formare una famiglia, comunicare. Sentirsi insomma partecipi di una realtà sociale che è la condizione e la natura della vita politica. La città è il luogo dove si intessono relazioni sociali e dove lavoro, sicurezza e sviluppo sono essenziali. In una città il tessuto urbanistico storico dovrebbe armonizzarsi col moderno. Siamo consapevoli di dover rappresentare le istanze e le aspirazioni concrete di chi vi abita, vive, studia, lavora. Per realizzare tutto questo occorre anzitutto orientare l’azione politica verso iniziative che risveglino la consapevolezza civica di ogni singolo abitante, perché solo con la sinergia di essi è possibile centrare obiettivi concreti.

Dopo più di un decennio di fallimento politico e amministrativo del Centro-Sinistra, la nostra coalizione intende dare dignità alla buona politica e venire incontro alle aspirazioni del cittadino realizzando innanzi tutto l’equazione meno sprechi = meno  tasse.

POLITICHE PER LO SVILUPPO ECONOMICO E DEL LAVORO

Nuova visione del ruolo dei soggetti pubblici e dei soggetti privati per potenziare l’economia conversanese e far crescere l’occupazione attraverso:

– Utilizzare la cultura, l’arte, la tradizione come motore per accrescere il valore totale dell’intera economia del territorio.

– La promozione dell’imprenditoria privata, sostenendo l’iniziativa giovanile con corsi di formazione imprenditoriale, attingendo ai fondi europei, nazionali e regionali istituendo un osservatorio sulla situazione socio-economica dell’area.

– L’impegno per favorire la nascita e la crescita delle piccole imprese con lo sportello unico.

– La costituzione di consorzi comprensoriali con i fondi dello Stato ed europei per la realizzazione delle aree di insediamento con il necessario controllo dell’impatto ambientale.

– La qualificazione e valorizzazione dei prodotti agroalimentari.

– Il censimento di un Piano generale delle colture.

– La istituzione di uno sportello di assistenza agricola.

– La ottimizzazione delle risorse idriche esistenti e lo sfruttamento di risorse energetiche alternative e invasi per raccolta acqua per agricoltura.

– Sistemazione viabilità e toponomastica rurale.

– L’attuazione di un piano marketing territoriale per lo sviluppo integrato delle attività commerciali, turistiche e artigianali.

POLITICHE PER L’ASSETTO DEL TERRITORIO

– Revisione delle aree tipizzate.

– Razionalizzazione delle zone per gli insediamenti produttivi.

– Definizione di nuovi indirizzi di sviluppo urbanistico.

– Elaborazione di un progetto generale di arredo urbano.

– Revisione della viabilità cittadina e istituzione di percorsi sicuri casa-scuola e rete ciclabile.

– Riqualificazione del Centro Storico attraverso una strategia di comportamenti organizzativi: chiusura al traffico del nucleo centrale del Borgo Antico.

– Creazione di isole pedonali.

– Realizzazione in collaborazione ai privati (project financing ) di parcheggi interrati e non, contigui al centro storico.

– Realizzazione della bretella stradale che colleghi via Cozze con via Monopoli.

– Abbattimento della barriera ferroviaria di via Polignano e via Tre Pergole.

– Realizzazione di uno spazio al coperto in grado di favorire il decentramento e la crescita di tutte le attvità sportive presenti nella nostra città.

– Dotare la città di servizi necessari ad una città a vocazione turistica.

POLITICHE SOCIALI

Migliori servizi per l’infanzia, i giovani e gli anziani privilegiando l’attuazione del Piano Sociale di zona, strumento indispensabile per garantire prestazioni socio-sanitarie su tutto il territorio d’ambito di riferimento:

– Politiche abitative come sostegno alle famiglie con programmazione di edilizia pubblica convenzionata.

– Inserimento attivo nella società dei diversamente abili e ulteriore abbattimento delle barriere architettoniche.

– Favorire la realizzazione di un centro polivalente per anziani con la collaborazione di provati (project financing ).

– Adozione di agevolazioni per giovani coppie, famiglie numerose e per chi accudisce anziani e diversamente abili. Creazione di strutture idonee.

– Potenziamento del ruolo dell’Ospedale nella direzione del piano della salute regionale.

– Miglioramento delle strutture sportive affidandone la gestione a privati ed associazioni a garanzia della fruizione dei cittadini e delle scuole.

– Attuazione del Piano Sociale di Zona per giungere alla interpretazione dei servizi alla persona garantendo prestazioni socio-sanitarie su tutto il territorio dell’ambito di riferimento.

– Potenziamento del controllo del territorio, con l’aumento del numero dell’organico del corpo di polizia urbana, istituire il vigile di quartiere ed avvalersi dell’ausilio di strumenti tecnologici, tipo video-sorveglianza per la tutela dei monumenti e per il controllo del traffico.

– Incentivazione progetti di integrazione socio-culturali per cittadini extracomunitari.

– Istituzione delle consulte con rappresentanza specifica dei quartieri.

– Aumento della qualità e quantità dell’offerta attraverso la riqualificazione e organizzazione dei luoghi turisticamente fruibili.

– Politica per la sicurezza antinfortunistica d’accordo con le strutture nazionali e locali a ciò predisposte (piano di protezione civile).

– Favorire la nascita degli asili nido anche nell’ottica di incentivare l’occupazione e tutelare la famiglia.

– Politica per la casa a favore delle famiglie disagiate.

– Creazione di infrastrutture e spazi per le attività giovanili anche in raccordo con le parrocchie e scuole ed associazioni locali.

POLITICHE AMBIENTALI

Rimodulare il sistema dei rifiuti con benefici tangibili per i cittadini sia sotto l’aspetto della salute che finanziario..

– Diffusione e educazione alla cultura del riciclo tramite la raccolta differenziata “spinta”.

– Favorire un Consorzio tra i Comuni vicini per la gestione del Canile Comunale coinvolgendo la USL al fine di migliorare il servizio

– Promozione, Integrazione e Coordinamento tra gli attori interessati al processo di trattamento dei rifiuti, per il superamento della logica del conferimento in discarica.

– Monitoraggio dei campi elettromagnetici del paese nonché di tutte le situazioni a rischio.

– Potenziamento e ampliamento zone destinate al verde e attività ricreative.

– Tutela e valorizzazione dei valori naturalistici ambientali, architettonici con particolare cura per la vegetazione arbustiva e del sottobosco, erbacea e delle piante di alto fusto.

POLITICHE PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI E SPORTIVE

La cultura necessita di nuovi modelli gestionali e risorse umane più qualificate attraverso:

– Adozione e valorizzazione della politica dei parchi: parco archeologico ambientale, in zona Castiglione e presso i laghi.

– Rimodulazione del ruolo istituzionale del parco strutture e favorire la collaborazione con la Biblioteca D. Morea di Conversano, l’Archivio Storico, il Museo Civico e la Pinacoteca.

– Sostegno all’impegno delle associazioni di volontariato.

– Tutela e valorizzazione del patrimonio diocesano in sinergia con le istituzioni ecclesiali.

– Realizzazione di un centro congressi, di un auditorium, di una casa-museo della banda.

– Istituzione della carta unica per la fruizione dei beni culturali.

– Scambi culturali derivanti dai gemellaggi in essere di Cascia, Atri e Frattapolesine.

POLITICHE PER LA FORMAZIONE

Fornire servizi di qualità attraverso:

– Maggiore sostegno alle attività scolastiche. Garanzia di accesso delle scuole alle strutture sportive comunali.

– Promozione della formazione degli operatori scolastici, la progettazione di corsi di aggiornamento “ad hoc”, in collaborazione con i Consigli di Istituto e di Circolo, la Provincia , il Distretto Scolastico, ecc.

– Organizzazione di collegamenti stabiliti tra Scuola Secondaria ed Università per un migliore orientamento dei giovani nella scelta tra le varie opportunità.

– Collaborazione con le Scuole Secondarie superiori per l’istituzione di corsi post-diploma in materia della conservazione dei beni culturali, del restauro, della comunicazione, del turismo, essere sede del decentramento universitario.

– Potenziamento della rete di cablatura del territorio (rete wireless) e creazioni di punti internet pubblici.

– Utilizzare lo sport come motore dello sviluppo economico locale.

– Pianificare e qualificare le attività culturali musicali e degli eventi.

EDILIZIA E LAVORI PUBBLICI

– Riqualificare le aree periferiche, attraverso interventi di tipo urbanistico.

– Rivalutare attraverso la promozione di servizi, in particolare nella zona ex 167 ed ex Macello.

TRIGGIANELLO

Necessità di nuovi servizi:

– Presidio medico di primo intervento

– Ripresa del controllo del territorio, assicurando almeno un vigile di quartiere, in coordinamento con i comuni di Castellana Grotte e Polignano.

– Individuazione di una struttura a scopi culturali e ludico-ricreativi e creazione di un parco giochi per l’infanzia.

LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Incrementare il personale e migliorare i servizi con politiche mirate che:

– Garantiscano il rispetto, l’imparzialità e l’autonomia dell’azione amministrativa, attraverso una nuova comunicazione tra cittadini e istituzione.

– Introduzione di istituti di partecipazione popolare.

– Digitalizzazione dei servizi e funzioni comunali con possibilità di accesso on-line ai servizi anagrafici.

– Nomina del Difensore Civico.

– Semplificazione e piano di riordino e formazione del personale.

– Riduzione del contenzioso.

– Lotta agli sprechi.

– Favorire la gestione dei servizi attraverso gara d’appalto ad evidenzia pubblica in sostituzione della cattiva abitudine del rapporto di convenzione o ad incarico diretto.

Il Programma Elettorale del PDLultima modifica: 2008-03-20T02:10:00+01:00da mottolanico
Reposta per primo quest’articolo